Televisione con sottotitoli

Per molte persone i sottotitoli in televisione non sono solo una bella opzione, ma una necessità assoluta. Per i non udenti e gli ipoudenti, in particolare, guardare la TV senza sottotitoli può essere paragonato al tentativo di leggere un libro senza lettere o immagini: semplicemente impossibile.

Accessibilità:

I sottotitoli trasformano la televisione in un mezzo inclusivo. Le persone che altrimenti avrebbero difficoltà a seguire i contenuti possono ora partecipare senza problemi. L'accessibilità ai media è una questione importante perché garantisce che tutte le persone, indipendentemente dalle loro capacità, abbiano accesso alle stesse informazioni e allo stesso intrattenimento.

Comprensibilità:

Oltre agli ovvi vantaggi per i non udenti e gli ipoudenti, i sottotitoli offrono anche agli spettatori di madrelingua diversa la possibilità di comprendere meglio i programmi. Immaginate una discussione complessa o un film con un forte dialetto: i sottotitoli possono assicurarvi di non perdere nessun dialogo importante.
Ma non si tratta solo di capire cosa viene detto. I sottotitoli possono trasmettere emozioni, accenti e sfumature che altrimenti potrebbero sfuggire. Possono anche essere utili se l'audio di una scena è particolarmente silenzioso o è affogato dal rumore di fondo. L'importanza dei sottotitoli va oltre il semplice "vedere e sentire". Si tratta di garantire che la televisione, una delle forme di intrattenimento e di informazione più diffuse al mondo, sia accessibile a tutti.
Immagine

Come funzionano i sottotitoli?

Guardando un programma televisivo con i sottotitoli, vi sarete probabilmente chiesti: "Come fanno queste righe ad apparire in fondo allo schermo, sincronizzate con il parlato?". Il sistema dei sottotitoli è una combinazione di tecnologia e lavoro umano.

Lavoro editoriale:

I redattori e i "sottotitolatori" professionisti ascoltano l'audio di un programma e lo traducono in forma scritta. Non solo devono assicurarsi di riprodurre correttamente il contenuto, ma anche che la lunghezza e il tempo del testo corrispondano al parlato.

Software di riconoscimento vocale:

Più di recente, viene spesso utilizzato anche un software specializzato che riconosce il parlato in tempo reale e lo converte in testo. Questi software possono accelerare il processo, ma nella maggior parte dei casi richiedono una revisione umana per garantire che i sottotitoli siano corretti e significativi.

Trasferimento dei sottotitoli

Una volta creati, i sottotitoli devono essere trasmessi agli spettatori. È qui che entrano in gioco diverse tecnologie:

DVB (Digital Video Broadcasting) e HbbTV (Hybrid Broadcast Broadband TV):

Questi standard digitali sono rivoluzionari per la trasmissione televisiva moderna. Se ricevete i vostri programmi via satellite, via cavo o in HD, probabilmente utilizzate il DVB. HbbTV è una tecnologia più recente che combina la televisione tradizionale con Internet a banda larga, consentendo servizi interattivi. Entrambi gli standard supportano la trasmissione di sottotitoli, che possono essere facilmente attivati tramite le impostazioni del televisore o del ricevitore.

Teletext/teletext:

Questa tecnologia può sembrare obsoleta ad alcuni, ma ha dimostrato il suo valore nel corso degli anni. Alcune emittenti offrono ancora sottotitoli tramite televideo. Nella maggior parte dei casi, una pagina specifica (ad esempio la pagina 150) è riservata ai sottotitoli.
L'aspetto affascinante dei sottotitoli è che sono in continua evoluzione. Con le nuove tecnologie e la crescente consapevolezza dell'importanza dell'inclusione e dell'accessibilità, in futuro ci saranno sicuramente molte altre innovazioni in questo settore.

Attivare i sottotitoli sul televisore

Se state guardando un programma in una lingua straniera, se volete abbassare l'audio o se soffrite di difficoltà uditive, ipoacusia o sordità, la possibilità di attivare i sottotitoli sul televisore può fare la differenza. Fortunatamente, i televisori e i ricevitori di oggi dispongono solitamente di metodi semplici e intuitivi per rendere possibile questa operazione. Scoprite di seguito come attivare i sottotitoli sul vostro televisore.

Attivare i sottotitoli con il telecomando

Lo strumento principale per attivare i sottotitoli sul televisore è solitamente il telecomando. Molti telecomandi moderni hanno un pulsante speciale "Sottotitoli" o "Subtitle". Una semplice pressione di questo pulsante consente di attivare o disattivare immediatamente i sottotitoli. Se il vostro telecomando non ha questo pulsante, non disperate. Ci sono altri modi.

Attivare i sottotitoli nel menu TV

La maggior parte dei televisori moderni dispone di un'area per le impostazioni o le opzioni. Qui è possibile aprire il menu del televisore, spesso tramite un pulsante chiamato "Menu", "Impostazioni" o il simbolo di una ruota dentata sul telecomando. Passare alla sezione "Lingua e audio" o "Immagine e suono". Cercate l'opzione "Sottotitoli" o "Subtitle". Una volta trovata, è possibile attivare i sottotitoli sul televisore.

Televideo - un metodo tradizionale

Alcuni canali offrono ancora i sottotitoli tramite il televideo. Per farlo, è necessario aprire il televideo sul televisore, spesso tramite il tasto "TT" o "TEXT" sul telecomando. Navigare fino alla pagina in cui sono offerti i sottotitoli, spesso la pagina 150 o simile.

Tutti i canali hanno i sottotitoli?

Nell'attuale panorama mediatico, in cui l'inclusione e l'accessibilità sono sempre più in primo piano, sarebbe auspicabile che tutti i canali televisivi fornissero i sottotitoli per i loro programmi. Ma è davvero così? La risposta è un po' più complessa.

Trasmettitori di grandi dimensioni e accessibilità

La maggior parte delle principali emittenti televisive nazionali e internazionali ha riconosciuto l'importanza dell'accessibilità e offre sottotitoli per la maggior parte dei propri programmi. Questo non solo per senso di responsabilità nei confronti degli spettatori, ma anche per raggiungere un pubblico più ampio. Le persone con problemi di udito o che guardano un programma in una lingua con cui non hanno familiarità traggono enormi benefici dai sottotitoli.

Stazioni regionali e piccole

Tuttavia, se consideriamo le emittenti regionali o più piccole, il quadro diventa meno coerente. Alcune di queste emittenti potrebbero non avere le risorse o la tecnologia per sottotitolare tutti i loro programmi. In alcuni casi, può anche essere una questione di budget, soprattutto se l'emittente si rivolge a un pubblico di nicchia.

Servizi di streaming e piattaforme digitali

Oltre ai canali televisivi tradizionali, negli ultimi anni sono diventati sempre più popolari i servizi di streaming e le piattaforme digitali. Molti di questi servizi, come Netflix o Amazon Prime, offrono sottotitoli per quasi tutti i loro contenuti. Questo è particolarmente utile per chi vuole guardare programmi in lingue diverse.

Alternative ai sottotitoli: Più di semplici parole sullo schermo

La televisione è una delle attività ricreative più popolari al mondo. Tuttavia, non tutti possono godersi i programmi televisivi tradizionali senza ausili aggiuntivi. Se da un lato i sottotitoli sono un modo eccellente per rendere i programmi accessibili alle persone con problemi di udito o a chi sta imparando una lingua straniera, dall'altro ci sono molti che trovano i sottotitoli distraenti o che distraggono. Fortunatamente, esistono alternative che possono migliorare l'esperienza di visione per tutti.

Descrizione audio

Immaginate di poter non solo ascoltare un film, ma anche "vederlo" attraverso le parole. L'audiodescrizione lo rende possibile. Un narratore professionista descrive gli elementi visivi del programma nelle pause tra i dialoghi e gli effetti sonori importanti. Gli elementi visivi possono spaziare dalle azioni e dalle espressioni facciali dei personaggi ai cambi di scena importanti, fino ai colori e agli stati d'animo. In particolare, per gli spettatori non vedenti o ipovedenti, l'audiodescrizione offre la possibilità di vivere il programma in tutta la sua profondità.

Dispositivi di ascolto TV

E se il problema non fosse la vista, ma l'udito? Soprattutto nelle famiglie in cui più persone guardano insieme, può essere difficile regolare l'audio del televisore in modo che sia piacevole per tutti. E non tutti vogliono leggere i sottotitoli quando guardano la TV insieme. È qui che entrano in gioco gli apparecchi di ascolto TV.
Il OSKAR di faller audio, ad esempio, è un diffusore TV portatile che porta il suono del televisore direttamente alla posizione di ascolto. Grazie a una speciale ottimizzazione del parlato, i dialoghi e i contributi vocali vengono amplificati e i rumori di sottofondo distraenti vengono filtrati. È possibile regolare il volume in base alle proprie preferenze. Si tratta di un canale personalizzato, sviluppato appositamente per le vostre orecchie. Per le persone con problemi di udito, questo può fare la differenza tra un'esperienza di visione frustrante e una coinvolgente.